Lo Spazioporto

I Discorsi

Quiz

Sondaggi

Timeline

About us

Link

The Bad Batch 2: dopoguerra

da Apr 25, 2023Lo Spazioporto Galattico

Buongiorno, buonasera e buon pomeriggio! Avete visto la seconda stagione di The Bad Batch? Vi è piaciuta? A mio parere si è conclusa con un non-finale, ma ne parleremo meglio più avanti. Iniziamo questa recensione, come al solito, senza spoiler.

Questa seconda stagione vedrà protagonista, più della squadra, il destino dei cloni dopo la guerra; con alcune persone che vorrebbero dargli diritto ad una pensione o ad integrarli in altre maniere ed altre che invece li vedono come oggetti; più volte sentiremo utilizzata la frase “I cloni sono proprietà imperiale.

Ed è proprio qui che verte la storyline più interessante: cosa succede ai cloni nel dopoguerra? Non è mai interessato a nessuno, ma appena viene fatta la domanda questa genera curiosità negli spettatori che poi, giustamente, vogliono la risposta.

Non è un’informazione nuova che l’impero sostituirà gradualmente i cloni con gli assaltatori (da esercito efficiente a deficiente, pensiero che ho già espresso nel mio Un Parere Onesto su…La Trilogia Originale) , ma una volta sostituiti che accade loro? Ci arriviamo tra un attimo, nella parte spoiler.

E, se questa storia risulta interessante, è la parte con la Bad Batch protagonista che, a mio avviso, lascia l’amaro in bocca: è infatti caratterizzata da episodi autoconclusivi senza una vera trama orizzontale, con la sola eccezione dei due conclusivi.

La seconda stagione di The Bad Batch, infatti, si conclude con un finale troppo aperto: fosse un mid-season finale non ci sarebbero problemi, ma dovendo aspettare due anni per la terza stagione non è un degno di questo nome: è un finale tronco. La conclusione di una stagione dovrebbe lasciare aperte certe trame, certo, ma comunque chiudere alcune: qua non è stato chiuso niente.


Ora passiamo adesso alla parte spoiler, siete pronti?

Crosshair

La trama accennata sopra sul destino dei cloni ruota intorno a Crosshair e alla senatrice Riyo Chuchi. Quest’ultima combatte nel Senato Imperiale per far sì che i cloni abbiano diritto a vivere come qualsiasi altra specie della Galassia, mentre il primo farà delle missioni per conto dell’Impero, per poi ribellarsi e venire catturato.

C’è pure un episodio in cui una squadra di cloni, guidata da Cody e Crosshair, attacca quel che resta di un avamposto separatista, con tanto di droidi da battaglia, e vediamo proprio loro come i buoni della situazione; che strana la vita.

I cloni vengono imprigionati in un laboratorio guidato dal capo scienziato Royce Hemlock e lì verranno sottoposti a degli esperimenti per riuscire a capire il segreto della clonazione dei Kaminoani (che sia per risolvere un buco in una certa trilogia?). Qui Crosshair vedrà il suo cervello danneggiarsi e, da quel momento, non riuscire più a sparare come si deve.

Facciamo un salto e passiamo direttamente al non-finale. Dopo che la squadra cercherà di rintracciare il laboratorio di Hemlock, fallendo per colpa di Saw Guerrera (inserito, secondo me, solo per far fallire il piano), il gruppo proverà una fuga disperata, perdendo Tech.

Tornati alla taverna di Cid, il gruppo, ancora in lutto per il compagno perduto, si vedrà portare via Omega da Hemlock, con Hunter che si ripromette di salvarla.

Perché dico che è un non-finale? Perché, come detto prima, gli episodi dedicati alla Batch peccano di trama orizzontale, essendo quasi tutti auto-conclusivi, e si arriva al finale di stagione che sì, crea ansia e aspettative per le storie future, ma denota una mancanza di idee negli sceneggiatori della serie che fanno il compitino e poco altro.

Una serie, per essere definita bella, deve avere una sceneggiatura consistente e avvincente, non essere riempita di filler (scusate il gioco di parole) e sganciare le bombe alla fine per far salire l’hype.

Ma voi cosa ne pensate? Siete d’accordo con me? Non lo siete? Ditelo nei commenti e…

Che la Forza sia con voi.

Articoli Correlati