Lo Spazioporto

I Discorsi

Quiz

Sondaggi

Timeline

About us

Link

La Trilogia Sequel è sottovalutata?

da Apr 9, 2024Lo Spazioporto Galattico

Ah, la Trilogia Sequel… Quante cose che potremmo dire su questi 3 film. Tipo: vale davvero la pena scriverci un articolo? Oppure: vale la pena leggere un articolo a riguardo? Mah, io personalmente preferirei trovarmi un secondo lavoro per potermi permettere il Millenium Falcon della Lego.

Eppure… eccomi qua. Non mi hanno preso come cameriere alla pizzeria sotto casa e sono talmente incattivito che scriverò questo maledetto articolo. E poi costruirò un Millenium Falcon con i Lego Duplo. Questa è la via (sì, per il Lato Oscuro).

Ok, la smetto di parlare tra me e me e cerco di mettere in ordine tutti i pensieri che mi svolazzano nella testa quando penso a questi maledetti film.

Lo so: pochissimi fan hanno apprezzato questa Trilogia (se ci sei batti un colpo nel canale Telegram o nei commenti qua sotto), ma oggi voglio andare contro-corrente, e come Keanu Reeves in quel film con Al Pacino e Charlize Theron, voglio fare L’avvocato del Diavolo.

E se la Trilogia Sequel fosse sottovalutata? E se non fosse tutto sterco quello che puzza?

Partiamo dagli inizi.

Nel 2014 la Disney acquista la Lucasfilm per 4 miliardi di dollari, arricchendo i suoi prodotti con due delle saghe più famose al mondo: Star Wars e Indiana Jones.

In pochissimo tempo arriva l’ufficialità della Trilogia Sequel con nuovi personaggi e nuove ambientazioni. Finalmente. Dopo 10 anni dall’uscita de La Vendetta dei Sith, esce finalmente un nuovo film di Star Wars! Il trailer di lancio del settimo capitolo è subito un successo senza precedenti, il che contribuisce a creare un hype ancora più incredibile (come se ce ne fosse bisogno). Quando il film esce nelle sale, gli incassi al botteghino sono alle stelle: 2 miliardi di dollari, un vero e proprio record!

Trailer de Il Risveglio della Forza

Dopo l’uscita dell’ottavo capitolo, però, qualcosa si rompe e a subirne le conseguenze è soprattutto il secondo spin-off (Solo: A Star Wars Story), un flop storico.
La saga si conclude nel peggiore dei modi: J.J. Abrams ritorna per risollevarne le sorti ma, come direbbe l’Ammiraglio Ackbar, “è una trappola!” e finisce per rovinarla definitivamente con quel maledetto Episodio IX.

Ma perché? Cosa non ha funzionato?

Tante cose. Molti fan criticano i nuovi personaggi o il trattamento che viene riservato a quelli storici, altri criticano la sceneggiatura troppo confusionaria, il villain che in realtà non è così villain (parlo sia di Kylo Ren che di Snoke), i buchi di sceneggiatura, Leia/Superman, Rey Palpatine/Skywalker eccetera. Tante critiche giuste, ma non è che forse abbiamo un po’ esagerato? La Trilogia Sequel fa davvero così schifo da meritare di essere eliminata dal Canon di Star Wars, come molti fan vorrebbero?

Lo so che avete risposto “Sì” appena avete finito di leggere quest’ultima domanda. Ma provate a seguirmi in questo ragionamento. Siamo d’accordo sul fatto che non sia un capolavoro. Siamo d’accordo anche sul fatto che sia all’ultimo posto tra le 3 Trilogie. Ma merita tutto questo “odio“? Non è che ci siamo fatti trascinare un po’ troppo verso il Lato Oscuro?

Se tornassimo indietro di qualche anno, noteremmo che per la Trilogia Prequel accadde esattamente la stessa cosa: i fan di quella Originale non la apprezzarono neanche un po’, criticandone qualsiasi cosa.

In ordine sparso: Anakin, protagonista indiscusso della Trilogia Prequel (e perché no, anche di quella Originale) fu massacrato, sia nella versione “bambino” (Jake Lloyd) che nella versione “adulto” (Hayden Christensen). Jar Jar Binks, politica, Padmé & Anakin, eccetera.

Certe critiche sono oggettive, altre un po’ meno. In ogni caso, se all’epoca i fan l’hanno considerata un disastro totale (o quasi, ma ci arriviamo dopo) ora non la considerano più tale. Chissà, magari tra qualche anno anche la Trilogia Sequel sarà apprezzata dai fan(atici).

In fondo Episodio VII non è così male. Certo, è poco originale, essendo molto simile ad Episodio IV, ma a livello visivo non si può criticare nulla, ci sono nuovi personaggi scritti bene e ottime sotto-trame. Inoltre, possiede quella magia tipicamente starwarsiana, quasi fiabesca, che lo rende, secondo me, il giusto erede della saga. Come film introduttivo, dobbiamo ammetterlo, non è per niente male. Lo dimostrano il box-office (certo l’hype ha fatto il suo dovere, ma non arrivi ad essere il terzo film di sempre per incassi se fai schifo) e il suo voto su iMDb: 7.8 di media su 972 mila voti. Non male. Per fare un paragone (e per dare un senso all’introduzione dell’articolo), L’avvocato del Diavolo, che è un ottimo film, ha ottenuto 7.4 su 400 mila voti.

Non è che è stata la stessa Trilogia a rovinare Il Risveglio della Forza, a rovinarne la percezione?

Un po’ è così anche per l’ottavo capitolo: di per sé Gli Ultimi Jedi è un ottimo film. Come parte della Trilogia, però, non convince molto. Rian Johnson si prende dei rischi e la sua mano si vede chiaramente. I fan volevano un po’ di originalità, in fondo. Ha osato un po’ troppo? Forse sì, forse no. Ma come dice Yoda “C’è fare, non c’è provare“. Comunque, il sentimento generale secondo me sta cambiando e il film inizia ad essere un po’ più apprezzato dai fan rispetto a prima.
Sottolineo “dai fan” perché in realtà questo film fu letteralmente osannato dalla critica. Su iMDb (dove chiunque può votare), invece, il voto è 6.9: una conferma del fatto che il pubblico l’abbia apprezzato di meno rispetto ad Episodio VII.

Una scena di Episodio VIII

Il vero problema è Episodio IX. Disney si è fatta influenzare dalle critiche del fandom (cosa che fa anche troppo spesso) e ha cercato di aggiustare il tiro, richiamando J.J. Abrams, al posto di Colin Trevorrow, come regista e sceneggiatore (con Chris Terrio). Il risultato, però, è una trama confusionaria con scelte discutibili (il ritorno di Palpatine su tutte). Insomma, concludere un’opera, che sia un film, un libro o altro, è sempre complicato, ma possiamo dire che questo capitolo finale abbia affossato definitivamente la Trilogia Sequel.

Ritornando al confronto con la Prequel, è qui che c’è la grande differenza: Episodio III è senza ombra di dubbio il miglior film della Trilogia, mentre Episodio IX è senza ombra di dubbio il peggiore della sua.

Verrà rivalutato negli anni? Forse sì: piano piano le critiche andranno scemando, ma, giustamente, non scompariranno. Basterà alla Trilogia Sequel per essere accettata dai fan di Star Wars? Secondo me sì, ma ci vorrà un po’ di tempo. Certo, se mi chiedessero di eliminare dal Canon Episodio IX farei fatica a dire di no, ma chissà… magari tra qualche anno cambierò idea.

Ora, dopo questo flusso di pensieri che vorrebbe essere un’analisi, rifaccio la domanda: la Trilogia Sequel è sottovalutata? Secondo me sì. Certo, ha tanti difetti, ma ha anche tanti pregi, e devono essere considerati alla stessa maniera. Il problema principale è la sua percezione generale, dovuta al fatto che il peggior capitolo è quello finale e quindi la sua conclusione. E si sa, la conclusione ha un peso specifico maggiore, vedi How I Met Your Mother o Game of Thrones: fino alla penultima stagione erano considerate serie capolavoro, dopo l’ultima… insomma.

È una giustificazione? No. Però, dopo aver scritto questo articolo, mi sento un po’ più benevolo verso questa trilogia e un po’ meno inc***ato rispetto a prima. Ne nascerà un dibattito costruttivo o mi prenderò un sacco di insulti? Ai posteri l’ardua sentenza.

Intanto, mentre aspetto, inizio a costruire il Millenium Falcon con i Duplo.

Che la Forza sia con… me.

Articoli Correlati