I veicoli della serie Star Wars: Visions

da Set 16, 2021Le Ultime

Star Wars: Visions, un’antologia di anime con nove cortometraggi di alcuni dei migliori creatori di anime del mondo, debutterà il 22 settembre su Disney+. Con Inside Star Wars: Visions, StarWars.com alzerà il sipario sulla serie, portando approfondimenti esclusivi su ciò che potrebbe aspettarci. In questa puntata finale, StarWars.com scopre alcune delle nuove navi e veicoli in arrivo per l’atterraggio.

Avviso spoiler: questo articolo discute i personaggi e i dettagli della storia di Star Wars: Visions.

Il Twin Star Destroyer, “The Twins”

Quando lo vedi per la prima volta, il Twin Star Destroyer emerge dall’ombra come l’inizio di una nuova avventura cinematografica. Ma c’è qualcosa di molto diverso nella forma di questo artefatto. “Il Twin Star Destroyer è un’idea così giocosa”, afferma Rimes.

Un intelligente riff visivo sui fratelli gemelli al centro di questo cortometraggio, il design innovativo si adatta perfettamente al mondo esteso e tentacolare del racconto.

Rispecchiando i due protagonisti, ogni Star Destroyer contiene la propria sala del trono, una per Am e una per Karre. E in mezzo un’arma di distruzione di massa. “Tengono assieme è un enorme cannone”, afferma Rimes. “Quando alimentato dai gemelli, può fornire esplosioni che farebbero vergognare la Morte Nera”.

La barca, “Akakiri”

Le navi di Star Wars spesso attraversano il cosmo, ma in “Akakiri” di Science Saru, i mezzi di trasporto lo-fi prendono i riflettori per una storia differente.

Basato sull’aspetto di The Hidden Fortress e di altri film drammatici di samurai di Akira Kurosawa, che per primo ispirò il creatore di Star Wars George Lucas, il corto segue un gruppo di eroi in fuga. “In un paesaggio aspro, devono nascondersi per evitare i banditi e le forze del signore della guerra Masago mentre si avvicinano sempre più alla sua fortezza”, afferma Rimes.

Tra le loro forme di trasporto ci sono creature simili a struzzi, un carretto di verdure di un venditore e qualcosa di simile a una tradizionale barca fluviale giapponese, diversa da qualsiasi cosa abbiamo visto prima in Star Wars.

La nave di F in “The Village Bride”

Matt Martin di Lucasfilm Story Group ha suggerito per la prima volta lo Z-95 per la nave di F in questo cortometraggio dello studio Kinema Citrus, afferma Rimes. “È stato un vero spasso portare questo gioiello dell’era di Clone Wars nel mondo di Star Wars: Visions”. Sebbene Visions esista al di fuori dei limiti tipici della continuità della tradizione, e nessuna epoca sia fortemente definita nei racconti dell’antologia, questo cortometraggio tratta specificamente dei frammenti restanti dopo che l’Ordine 66 pose fine alla Guerra dei Cloni. “Quindi i tradizionali X-Wing erano fuori tema”, dice Rimes.

Carro armato trasporto truppe, “The Duel”

Simile ad altri modelli del cortometraggio Kamikaze Douga, l’enorme carro armato nel racconto di Ronin è una perfetta fusione di influenze samurai e opera spaziale. “Ci sono elementi unici, come gli ormeggi di corda, che creano quell’estetica feudale che incontra i samurai di Star Wars”, dice Rimes.

La fortezza mobile è un veicolo imponente che può essere udito da grandi distanze, “segnando il destino incombente per qualsiasi villaggio che incontri sulla sua strada”, afferma Rimes. Oltre a un impressionante arsenale di armi, inclusa una serie di cannoni per livellare coloro che osano affrontarlo, il veicolo vanta spazio sufficiente per nascondere un intero esercito e una piattaforma elevata. “È dotato di un portello superiore e di un ascensore che eleva il potente e terrificante leader dei banditi Sith soprattutto quando si trova sul suo tetto per dominare quelli sotto di lei”; per dirla semplicemente: “Questo veicolo è stato costruito per conquistare”, conclude Rimes.

La Galea Oscillante, “Tatooine Rhapsody”

Per la band, Star Waver, la loro nave è la loro “casa lontano da casa” e il loro biglietto per la fama e la fortuna. Ma invece delle corse di contrabbando, la loro nave The Rolling Gales è un’espressione unica della risposta della galassia ai musicisti emergenti che si accumulano in un furgone per un tour.

“Quando li apriamo mentre suonano un piccolo spettacolo, li vediamo dondolare su un palco improvvisato”, dice Rimes. “La cosa deliziosa è che questo palco è letteralmente integrato nella loro nave e stando a casa volano da un concerto all’altro”.

Star Waver non è diverso da una garage band, dice Rimes, “e il garage è letteralmente la pancia della loro nave”. I designer hanno prestato molta attenzione a quell’ispirazione nella creazione dell’enorme imbarcazione. “La sua forma e la sua funzione sono così radicate nella finzione di una band che suona da uno spettacolo all’altro, rimanendo scontrosa e tenendo la testa fuori dall’acqua”.

Anche l’arredamento della nave evoca un’altra artista di Star Wars, Sabine Wren, che spesso si esprimeva attraverso armature dipinte di fresco, capelli tinti di arcobaleno e tag di graffiti. “Tenete d’occhio i piccoli svolazzi di vernice spray colorata e i dettagli sullo scafo”, osserva Rimes.


Fonti:

Inside Star Wars: Visions: Meet the Ships and Vehicles | StarWars.com

Articoli Correlati

What If #1 – Ventress in azione

What If #1 – Ventress in azione

Dopo la conversione di Qui-Gon, il Conte Dooku lascia l’Ordine dei Jedi e ordina a Ventress di assoldare Jabba The Hutt