I personaggi di Star Wars: Visions

da Set 14, 2021Le Ultime

Star Wars sta entrando in una nuova galassia narrativa. Star Wars: Visions, un’antologia di anime con nove cortometraggi di alcuni dei migliori creatori di questo genere del mondo, debutterà il 22 settembre su Disney+.

Vediamo di scoprire di più su alcuni dei personaggi che faranno il loro debutto nell’universo di Star Wars alla fine di questo mese nella nuova serie animata Star Wars: Visions Disney+.
Tutti e nove gli episodi di Star Wars: Visions saranno disponibili per lo streaming dal 22 settembre su Disney+.

Visions presenterà interpretazioni uniche della galassia di Star Wars da parte di alcuni dei più grandi talenti del mondo degli anime – e con queste storie visionarie arriveranno nuovi eroi. Alcuni sono simili a quelli che conosciamo ma solo un po’ diversi, altri sembrano provenire da una galassia ancora più lontana. StarWars.com ha incontrato il produttore esecutivo Josh Rimes e il produttore Kanako Shirasaki di Lucasfilm per saperne di più su cinque di questi futuri personaggi, le cui storie vivremo presto in una serie di Star Wars come nessun’altra.

Avviso spoiler: questo articolo discute i personaggi e i dettagli della storia di Star Wars: Visions.

Kara, “Il Nono Jedi”

“Il Nono Jedi” di Production I.G. immagina una galassia in cui l’Ordine Jedi è scomparso da tempo, ma un misterioso maestro di nome Juro spera di riportarlo in vita. E al centro di questa possibile rinascita Jedi c’è Kara, che non è mai stata addestrata nelle vie della Forza, ma mantiene ancora un legame con i guardiani della pace e della giustizia. “Il padre di Kara è un leggendario fabbro di spade laser, il che è assolutamente unico in questa storia”, dice Rimes a StarWars.com. “Anche le spade laser che realizza sono diverse da tutto ciò che abbiamo visto prima in Star Wars. Lo sceneggiatore/regista Kenji Kamiyama si è davvero appoggiato a questa nuova e diversa visione di cosa può essere una spada laser e di come può riflettere la natura di coloro che potrebbero impugnarla. Ovviamente, Kara è in soggezione nei confronti di suo padre e del suo lavoro molto importante, e sente che un giorno avrà quello che serve per brandire una spada laser e imparare le vie dei Jedi”.
“Il viaggio di Kara è epico e trabocca di quella eccitazione che ci si aspetterebbe da un lungometraggio”, afferma Rimes. “La trama è sontuosa, le battaglie sono epiche e il destino finale di Kara è in bilico”.
“Kara viene improvvisamente coinvolta in un destino inaspettato”, dice Shirasaki, “e affronta la scelta definitiva della sua vita”.

Karre, “I gemelli”

“The Twins” di Trigger segue le vicende dei fratelli del lato oscuro Karre e Am, una versione quasi capovolta del noto fratello e sorella della saga di Skywalker. Tuttavia, questo non è il viaggio dell’eroe. Quando la storia inizia, i gemelli detengono già un grande potere. Eppure, il futuro è sempre in movimento, soprattutto per Karre. “Insieme a sua sorella Am, Karre è stato creato dalle forze del lato oscuro, le quali pianificano che i due governino la galassia”, afferma Shirasaki. “Tuttavia, Karre fa la sua scelta per liberarsi da una vita che era stata progettata dalle persone del contesto da cui proveniva“.

Dan, “Il Vecchio”

“The Elder”, sempre di Trigger, esplora la classica relazione maestro-padawan. E lo studente Jedi del cortometraggio, noto semplicemente come Dan, ha molto da imparare. “Dan è un Padawan Jedi un po’ impaziente e sarcastico, vuole solo vedere un po’ di azione da Jedi. Il suo maestro Tajin è saggio e prudente, ma fiducioso”, afferma Rimes. “Dan impara a proprie spese cosa significa cercare un combattimento o sottovalutare un avversario.” Dan, tuttavia, ha il cuore di un Jedi. “Nonostante la sua impazienza e gli sprazzi di sarcasmo, Dan porta un’energia dolce e giovanile nella galassia. È difficile non innamorarsi di lui o non vedersi nei suoi panni”, dice Rimes. “Questo cortometraggio analizza davvero una particolare relazione master-studente in un modo davvero profondo e incisivo.”

F, “La sposa del villaggio”

“The Village Bride” di Kinema Citrus ci porta una Jedi caduta, nota solo come F, che osserva i rituali nuziali di un piccolo villaggio. Si sa poco di F, ma ciò che non rivela la dice lunga.
“Dal suo mantello, alla sua maschera, al suo nome di una lettera, F è misteriosa, nascosta, cauta a causa di una grande tragedia nel suo passato”, dice Rimes. “Nonostante le sue gesta eroiche da Jedi in un tempo precedente, qui è davvero molto più un’osservatrice di un mondo e un villaggio sconosciuti..e dovrà fare una scelta: farà un passo indietro nella sua vecchia vita Jedi e si rivelerà?”
Un’aspetto che viene esplorato in “The Village Bride” è l’idea della Forza, e come culture diverse potrebbero interpretarla. Per F, rappresenta un’occasione per imparare. “Questo cortometraggio introduce la Forza in un modo unico”, afferma Shirasaki. “Le persone del pianeta Keelia non conoscono il concetto di Forza, ma interpretano a modo loro. Lo chiamano “Magina” e lo usano per connetterli con la natura che li circonda”.

Ronin, “Il duello”

Prendendo ispirazione dalla tradizione dei samurai e dai film che hanno ispirato lo stesso Star Wars, insieme a un mashup di nuove forme e altri generi, “The Duel” segue un Jedi noto semplicemente come Ronin.
“Ronin è un vagabondo, un antieroe, un misterioso guerriero direttamente influenzato da Toshiro Mifune e film di Kurosawa come Yojimbo”, spiega Rimes. “Esiste in un regno in cui i vecchi film, manga, western e Star Wars di Kurosawa si scontrano in un mondo in stile feudale pieno di resti di stormtrooper e squadre di guardie del corpo aliene – e il suo aiutante è un droide assassino con un cappello di paglia. Tutto in questo personaggio sembra così perfetto per Star Wars: Visions; è il tipo di storie e avventure che volevamo esplorare”.
“Nessuno sa chi sia o da dove venga”, aggiunge Shirasaki. “Non parla di sé. L’unico che conosce la sua vera identità è il suo droide e nemmeno lui parla. Come spettatori, ci viene data solo la stessa quantità limitata di informazioni che viene data agli altri personaggi di questo cortometraggio”.
I disegni di Ronin e del suo droide sono stati tra i primi creati per Visions. Riportando Star Wars alle sue radici Samurai, ma con colori audaci e senso dell’umorismo, sono arrivati a rappresentare tutto ciò che Visions potrebbe essere.


Fonti:

Inside Star Wars: Visions: Meet the Heroes | StarWars.com

Articoli Correlati

What If #1 – Ventress in azione

What If #1 – Ventress in azione

Dopo la conversione di Qui-Gon, il Conte Dooku lascia l’Ordine dei Jedi e ordina a Ventress di assoldare Jabba The Hutt